LA BELLA D'ITALIA viene registrato nel 1985 e nello stesso anno il patron del concorso registra La Bella d’Italia delle nevi, sessione invernale della manifestazione.
Alla sua prima edizione (estiva—inverale) con finale nazionale a Castione della Presolana(Bergamo) il concorso ha dovuto superare non poche difficoltà.
Infatti essendo un evento ancora sconosciuto perché appunto alla sua prima edizione, ed avendo davanti quello più importante quale Miss Italia, L’organizzazione si è trovata di fronte a mille problemi come l’adesione di sponsor nazionali, la ricerca di agenti di zona, la collocazione diselezioni locali e finali nazionali e tante altre di natura organizzativa. Ma la tenacia e la forza d’animo da parte di tutto lo staff organizzativo con in testa il suo patron era tanta da non abbandonare il progetto. La seconda edizione, con meno difficoltà viene effettuata (finale nazionale) sempre in provincia di Bergamo e precisamente a Zogno in Val Seriana.Mentre alla prima edizione le finaliste erano 45, alla seconda ha visto la presenza di 70 concorrenti finaliste. Nel frattempo il concorso iniziava ad avere le sembianze di un vero e importante evento con agenti più professionali nella scelta delle ragazze motivati, e con tanta voglia di far diventare il concorso una loro creatura. Questo sarà motivo di soddisfazione e di orgoglio del proprio patron. E così sarà per le edizioni successive.  I media si interessano sempre di più dando ampio spazio alla manifestazione, i locali sono più propensi ad ospitare le selezioni.Dal 1990 la A.P.T. dell’arcipelago toscano inseriva il concorso tra gli eventi importanti da farsvolgere a l’Isola d’Elba e così sarà per cinque anni consecutivi.
Negli anni successivi la finale nazionale cambia sede e viene effettuata a
Termoli (CB) a Gambarie d’Aspromonte (RC), Amantea (3 anni) in provincia di Cosenza,
Palinuro, Marina di Camerota, Tropea, Capo Vaticano (3 anni), per assestarsi a Scalea in provincia di Cosenza. Nel frattempo il concorso acquisisce come sponsor a caratura nazionale l’azienda "LEVANTE"leader nel campo delle calze e intimo, di “GIADAMARINA" nota azienda di costumi da bagno,prendendo sempre più credibilità. Intanto dalle 50-60 selezioni che si effettuavano nei primi anni su tutta la penisola si era passati dal 1999 a circa 110 selezioni.Un'importante svolta avviene nel 1999 con l’elezione di Matilde Zarcome 17enne ragazza dellaSardegna precisamente di Muravera in provincia di Cagliari la quale dopo moltissime apparizioni su canale 5 incontra l’amore in Valerio Staffelli inviato di Striscia la Notizia abbandonando la carriera artistica (fotomodella). E così il concorso aveva preso il verso giusto tanto da passare da 100 selezioni a quasi 200 ed avere alle selezioni una media di circa 20 concorrenti per un totale di 4000 ragazze selezionate per tutta la durata dell’edizione (da Maggio a Settembre).
E' un susseguirsi di soddisfazione per la direzione del concorso per gli agenti regionali, per le località che ospitano le finali regionali e nazionali e per le concorrenti e la vincente nazionale.Moltissime di queste lavorano con successo nella moda, nella pubblicità, nello spettacolo e nel cinema."LA BELLA D'ITALIA" è uno degli eventi più attesi nel mondo dei concorsi di bellezza, alla continua ricerca di volti nuovi che rappresentano tutto il fascino e l'eleganza della donna italiana. Tour Itinerante con tappe in tantissime città del nostro paese per selezionare le ragazza che sognano di conquistare l'ambito titolo di Bella d'Italia.Le ragazza verranno attentamente selezionate da una giuria composta da esperti della moda e dello show business in generale. Fascino, Bellezza portamento, simpatia e buon gusto sono le doti che possiedono le ragazze di tutta Italia aspiranti vincitrici del Concorso.
La BELLA D'ITALIA è soprattutto un appuntamento che fa parte dell'immaginario collettivo poiché riesce a raccontare i maniera semplice la storia di ragazze comuni che per qualche giorno diventano star!
 ALFONSO CARIELLO - Patron